Team al lavoro sulla creazione di un packaging oer un prodotto food

LA CREAZIONE DI UN NUOVO PRODOTTO NELLA FILIERA AGROALIMENTARE

Autore: Elena Dal Santo
Auditor di sistemi di gestione per la qualità e per la sicurezza agroalimentare.
UN APPROCCIO AL PROGETTO IN CHIAVE STRATEGICA.

Lo scopo di un nuovo prodotto è quello di offrire al cliente vantaggi fino a quel momento sconosciuti, soddisfare un nuovo cliente o acquisire una particolare nicchia di mercato.

Definiamo come ‘nuovo’ un prodotto che offre caratteristiche differenti in termini di ingredienti, materiali di confezionamento o modifiche del processo produttivo rispetto a prodotti esistenti.

Per la creazione di un nuovo prodotto suggeriamo l’utilizzo del ciclo PDCA (Ciclo Plan-Do-Check-Act), con un generale orientamento al risk-based thinking, volto a cogliere le opportunità e a prevenire risultati indesiderati.

L’IMPORTANZA DI UNA COMUNICAZIONE INTERATTIVA

Prima di avviare la realizzazione di un nuovo prodotto è essenziale creare le condizioni per una comunicazione interattiva in tutta la filiera alimentare, ovvero promuovere un miglioramento ‘in continuo’ delle relazioni con tutte le parti interessate, sia interne che esterne all’impresa.

Si ricorda che ‘miglioramento continuo’ significa implementare progressivamente l’idoneità, l’adeguatezza e l’efficacia del SGSA; nello specifico caso sopra indicato, intendiamo l’implementazione e una corretta gestione delle relazioni, per uno scambio “profondo” ed efficace delle informazioni.

CREAZIONE DI UN NUOVO PRODOTTO CON IL CICLO PDCA

La descrizione dl ciclo PDCA è indicata anche nella norma ISO22000. In SINTESI le fasi sono 4 e si propongono come schema logico per la pianificazione del progetto di realizzazione del nuovo prodotto.

1^ fase. Determinare gli obiettivi caratterizzanti il nuovo progetto che l’impresa vuole raggiungere, in sintesi:

  • Quali sono le specifiche e quali le risorse (materie prime, infrastrutture, ricerche, personale necessario, prove di collaudo).
  • Quali sono i controlli (in fase di realizzazione del nuovo prodotto).
  • Chi rendere partecipe al progetto come personale interno ed esterno (1°, 2° e 3° principio della norma ISO).
  • È inoltre fondamentale anteporre agli obiettivi del progetto la creazione e la gestione di relazioni interne ed esterne che stimolino le idee e consentano una corretta determinazione degli obiettivi, dando quindi il via al nuovo progetto (7° principio della norma ISO).

2^ fase. Realizzazione del progetto, con un approccio rigoroso al processo di realizzazione del nuovo prodotto.

3^ fase. Attuare le attività di controllo del processo e del prodotto realizzato, procedendo con monitoraggi, verifiche e audit che devono confermare i risultati attesi dalla scelta strategica decisa dalla direzione. In caso contrario è fondamentale il riesame e la revisione della 1^ fase.

4^ fase. Analisi del processo per valutare eventuali interventi in un’ottica di miglioramento continuo, da applicare nei tempi e nei modi stabiliti dalla strategia aziendale. Il risk-based thinking è essenziale per il conseguimento di una efficace progettazione di un nuovo prodotto.

Il risk-based thinking deve considerare:

–  Il livello organizzativo e precisamente la fase 1, per determinare se siano stati analizzati e acquisiti tutti i fattori positivi e valutati tutti i fattori negativi che possono inficiare la progettazione.

Il livello operativo – e precisamente la fase 2,  per accertare che l’approccio al processo si svolga sulla scorta dell’analisi di tutti i fattori positivi a favore del nuovo prodotto e che tutti i fattori negativi siano sotto controllo (fondamentale la totale e completa gestione di tutti i PRP).

CONCLUSIONI

La progettazione di un nuovo prodotto che supporti e crei le condizioni per il successo commerciale desiderato dalla direzione aziendale, deve essere fondato su:

Creare virtuose relazioni interne ed esterne all’impresa per una corretta analisi del contesto e del mercato, nonché per velocizzare la condivisione di idee e favorire le scelte migliori da parte della direzione aziendale. È inoltre strategico l’apporto in termini di conoscenza e risorse da parte dei fornitori di materie prime e di servizi .

Progettare il nuovo prodotto perseguendo il PDCA, adottando un’analisi di dettaglio quanto più possibile profonda, anche in relazione al livello di rischio. Questo consentirà di ridurre drasticamente la probabilità di NC e dei possibili reclami che potrebbero inficiare il business dell’impresa.

 

Vuoi approfondire l’argomento con un nostro esperto? Scrivici e ti contatteremo al più presto!


    Ho letto la privacy policy e autorizzo il trattamento dei miei dati personali*.

    Prova che sei umano selezionando l'icona corrispondente a Chiave.

    Condividi questa pagina:

    Magazine Certification

    SISTEMA QUALITA’: “TRASFORMARE LA FRETTA IN VELOCITÀ”.

    Introduzione. Se dovessi pensare a un sottotitolo per il presente articolo potrei scrivere che sono “riflessioni impertinenti di una podista eclettica”. Non si tratta di piaggeria o narcisismo, si tratta di cominciare esattamente dalla definizione di chi scrive. Per trasformare la fretta in velocità è necessario partire innanzitutto dal fondo dell’articolo, ovvero dalle firme degli […]

    read more
    Cosa spetta al RAQ con incarico di OSA

    RAQ con incarico di OSA

    Introduzione L’articolo si pone come momento di riflessione per l’imprenditore dell’impresa alimentare, ma allo stesso tempo anche per il responsabile assicurazione qualità (abbreviato RAQ), laddove l’imprenditore vuole assegnare a RAQ l’incarico di persona fisica responsabile di garantire il rispetto delle disposizioni della legislazione alimentare posta sotto il suo controllo. In altri termini, di assegnare a RAQ […]

    read more
    Come ridurre il rischio salmonella nell'industria delle carni

    Come ridurre il rischio Salmonella nell’industria delle carni fresche

    Un tema complesso che coinvolge ogni area dell’industria food. La salmonella è un indicatore di «approccio per processi» che l’industria alimentare deve tenere in considerazione per valutare il livello di gestione del pericolo per la sanità pubblica. L’informazione prevede la «gestione delle relazioni» interne ed esterne all’impresa alimentare ed in particolare tra gli addetti alla […]

    read more
    La Qualifica Fornitore è un indicatore di «approccio per processi»

    Come si qualifica un fornitore?

    Un indice che valorizza anche l’industria che esegue questa indagine. La Qualifica Fornitore è un indicatore di «approccio per processi», che l’industria alimentare utilizza come informazione per valutare il livello delle prestazioni dei fornitori esterni di processi, prodotti e/o servizi, fattori che influenzano la capacità dell’impresa alimentare di conseguire i risultati attesi dal proprio Sistema […]

    read more
    come-aumentare-il-livello-di-cultura-della-sicurezza-alimentare

    Come aumentare il livello di Cultura della Sicurezza Alimentare.

    Cultura della Sicurezza Alimentare come fattore ed indice di Leadership. La Cultura della Sicurezza Alimentare è uno dei fattori di contesto che l’impresa alimentare deve acquisire per potenziare la Leadership, ovvero, per dimostrare come essa si applica alle rispettive aree di responsabilità. La Cultura della Sicurezza Alimentare non è solo norma cogente, ma anche un […]

    read more