SOSTENIBILITA’ E FOOD PACKAGING

Autore: Fabrizio Veronesi
Communication Consultant
Direttiva Parlamento Europeo e Consiglio Ue 2018/852/Ue

La Direttiva UE 2018/852 del Parlamento Europeo e del Consiglio UE del 30 maggio 2018 con le successive modifiche, hanno offerto agli stati membri e a cascata ai produttori di beni di consumo, un insieme di regole generali di indirizzo per una corretta progettazione, produzione e gestione a fine vita degli imballaggi.

Questa direttiva nasce dall’evidenza di come larga parte dell’inquinamento dei territori, delle acque interne e dei mari sia provocato proprio dalla non adeguata gestione dei rifiuti di imballaggio e dalla loro conseguente dispersione nell’ambiente.

Per quanto le direttive di indirizzo come quelle europee sul tema siano ormai largamente presenti nel quadro normativo degli stati – in Italia è stata attuata dal Decreto Legislativo 116 del 2020 – e nelle attività di ricerca e produttiva di moltissime realtà industriali, comprese quelle del settore Food, resta evidente quanto il problema sia di dimensioni tali che solo una contemporanea presa di coscienza dal basso, proveniente cioè da una assunzione di responsabilità da parte dei consumatori, possa contrarre i tempi per una inversione di rotta che abbia un impatto determinante sull’ambiente naturale.

Il ruolo dell’impresa

Il ruolo dell’Impresa in questo percorso è forse paragonabile – se non addirittura ancor più decisivo – di quello della stessa Politica, proprio per la funzione educativa e ‘formativa’ che i brand più attenti a questi temi hanno ormai assunto grazie alla la relazione di fiducia che sono stati in grado di instaurare con i propri consumatori.

Da una parte vengono implementati investimenti in ricerca e sviluppo, nella creazione e utilizzo di nuovi materiali; nell’adozione di nuove tecnologie e di materie prime biodegradabili, in processi produttivi e distributivi più sostenibili e nell’implementazione dell’utilizzo di energia proveniente da fonti rinnovabili: tutto ciò rientra ormai nella mission di ogni impresa strutturata nell’ambito della ricerca di un impatto ambientale più ‘sostenibile’.

Dall’altra parte abbiamo l’ambito ‘sociale’ nel quale si declina tra gli altri il concetto stesso di ’Sostenibilità’. Un ambito che vedrà come driver nel prossimo futuro proprio la capacità dei brand di stimolare questa consapevolezza, nel contesto di un dialogo con il consumatore – soprattutto con le nuove generazioni – che, in prospettiva, sappia modificarne permanentemente i comportamenti verso una modalità più virtuosa e partecipativa.

Progetto di confezione 100% riciclabile, realizzata con particolare attenzione al tema dell’overpackaging per mamabuoni.it , azienda di prodotti pronti surgelati di Dr. Schär.
mamabuoni.it
L’importanza della Comunicazione

In questa direzione assumono grande rilevanza gli strumenti di comunicazione come il packaging Design, attraverso i quali i brand comunicano e mantengono ‘viva’ la relazione con il proprio prospect:

l’adozione di uno stile diretto e funzionale, la scelta nell’imballaggio di materiali innovativi o a basso impatto come i biodegradabili; e ancora la creazione di contenuti puntuali e pertinenti, di iniziative ’premianti’ il comportamento virtuoso; la produzione parallela di contributi video e di immagini coinvolgenti ed illuminanti, senza dimenticare una corretta e responsabile gestione dei canali social, unita ad una creatività stimolante e distintiva.

La chiave è dunque la costruzione di un rapporto diretto e trasparente con il consumatore, un rapporto a due direzioni, fatto di informazioni ‘corrette e veritiere’ – come recita un vecchio adagio sulla pubblicità oggi più che mai attuale – di un ascolto attento e sensibile alle sfumature e ai cambiamenti in atto, per una crescita comune.

E’ in questo senso, nella tensione verso la creazione di un modello di consumo più attento e virtuoso, che il valore della Comunicazione d’Impresa diventa anche ‘etico’.

Progetto ECOPACK Realizzato per Latterie Merano
Vuoi approfondire l’argomento con un nostro esperto? Scrivici e ti contatteremo al più presto!
Condividi questa pagina:

Magazine Magazine

SISTEMA QUALITA’: “TRASFORMARE LA FRETTA IN VELOCITÀ”.

Introduzione. Se dovessi pensare a un sottotitolo per il presente articolo potrei scrivere che sono “riflessioni impertinenti di una podista eclettica”. Non si tratta di piaggeria o narcisismo, si tratta di cominciare esattamente dalla definizione di chi scrive. Per trasformare la fretta in velocità è necessario partire innanzitutto dal fondo dell’articolo, ovvero dalle firme degli […]

read more

“MANGIATO CON GLI OCCHI” Ovvero l’arte della Fotografia al servizio del Food Marketing.

E’ un viaggio che viviamo ogni giorno, osservando le centinaia di immagini di cibo che ci vengono proposte da social e programmi tv, da riviste e cartelloni pubblicitari, sul web e presto nel Metaverso, persino nei nostri sogni. Piatti squisiti, semplici o complessi; tecniche di preparazione, di cottura, di conservazione; personaggi, storie di avventure in […]

read more

RAQ con incarico di OSA

Introduzione L’articolo si pone come momento di riflessione per l’imprenditore dell’impresa alimentare, ma allo stesso tempo anche per il responsabile assicurazione qualità (abbreviato RAQ), laddove l’imprenditore vuole assegnare a RAQ l’incarico di persona fisica responsabile di garantire il rispetto delle disposizioni della legislazione alimentare posta sotto il suo controllo. In altri termini, di assegnare a RAQ […]

read more

PRATICHE COMMERCIALI SLEALI – D.LG 198/2021

1. OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE Il Dlg. 198/2021 ha recepito la Direttiva Ue 633/2019, definendo quali pratiche commerciali siano da considerarsi sleali nei rapporti di cessione tra imprese della filiera agricola e alimentare. Le disposizioni si applicano dunque, alle cessioni di prodotti agricoli ed alimentari, eseguite da fornitori che siano stabiliti nel territorio nazionale, […]

read more

Come ridurre il rischio Salmonella nell’industria delle carni fresche

Un tema complesso che coinvolge ogni area dell’industria food. La salmonella è un indicatore di «approccio per processi» che l’industria alimentare deve tenere in considerazione per valutare il livello di gestione del pericolo per la sanità pubblica. L’informazione prevede la «gestione delle relazioni» interne ed esterne all’impresa alimentare ed in particolare tra gli addetti alla […]

read more

Come si qualifica un fornitore?

Un indice che valorizza anche l’industria che esegue questa indagine. La Qualifica Fornitore è un indicatore di «approccio per processi», che l’industria alimentare utilizza come informazione per valutare il livello delle prestazioni dei fornitori esterni di processi, prodotti e/o servizi, fattori che influenzano la capacità dell’impresa alimentare di conseguire i risultati attesi dal proprio Sistema […]

read more